Parliamo di ANSIA e PAURE: per gestirle e usarle a proprio vantaggio



Il bello di non poter controllare (tutto)

 

Molte delle persone che richiedono il mio aiuto, arrivano da me per abbassare il livello di ansia o angoscia che sperimentano in quello specifico periodo o in una determinata situazione. Non sanno come gestirla, e nella maggior parte dei casi, non sanno neanche a cosa sia dovuta. Iniziando a lavorare insieme in un percorso di psicoterapia, scopriamo che l’ansia e l’angoscia sono solo dei sintomi, dei modi attraverso cui la mente e il corpo segnalano che qualcosa si è rotto e va riparato, e non il vero problema - quello, cioè, di cui ci occupiamo durante il lavoro insieme. Perché una volta risolto quel problema (e riparato il guasto) l’ansia e l’angoscia non avranno motivo di esistere. 

leggi di più 0 Commenti

Quando la paura di disturbare ti blocca

 

Quando hai paura di disturbare gli altri, sei attento e ti comporti con cautela nei loro confronti: il loro benessere è importante per te, e così mantieni un atteggiamento delicato e gentile, sei discreto e non invadente, sensibile a ciò che li infastidisce e a quel che invece fa loro piacere. Tuttavia, quando il timore di disturbare è eccessivo e costante, al punto da bloccarti dal dire o fare qualcosa, quello che sembrerebbe un atto di gentilezza verso gli altri può diventare una difficoltà di cui prendersi cura.  

leggi di più 0 Commenti

Cambiamenti, che ansia!

 

Disse colei, o colui, che faticava a mettere la testa fuori dalla sua comfort zone. Ossia quello spazio – inteso come condizione mentale - conosciuto, comodo e rassicurante, in cui tutto è esattamente dove ti aspetti che sia e le novità (con rischi e paure annesse) sono tagliate fuori. Non è un caso, infatti che per molte persone, i cambiamenti siano fonte di ansia perché vissuti come una minaccia di quel livello di benessere percepito che, appunto, la comfort zone regala. 

In sostanza, rimanere fermo nel tuo spazio sicuro ti consente di metterti al riparo dal senso di fallimento che, invece – chissà - potresti vivere confrontandoti con esperienze, persone, realtà ancora sconosciute. Ma tutto questo ha un costo, perché la comfort zone può diventare una vera e propria prigione che ti impedisce sia di imparare cose nuove e metterti alla prova, e quindi anche di crescere, superare i tuoi limiti, nutrirti di nuove esperienze, far entrare nella tua vita nuove emozioni, relazioni, conoscenze, competenze; sia di tirarti fuori da situazioni infelici e dolorose, che fai fatica a lasciar andare perché familiari e in qualche modo, per questo, prevedibili e rassicuranti.

leggi di più 0 Commenti

3 motivi per cui dovresti (ri)prendere fiato

 

Scrivo questo post per te che ti senti continuamente sotto pressione, impegnato a vivere la quotidianità correndo contro il tempo (che non basta mai!), fagocitato dalle tue stesse cose da fare (che sembrano essere infinite!). Fino a ritrovarti senza respiro.

A volte, il motivo di questa corsa sfiancante è l’ansia. Hai presente quel senso di tensione e pressione costante? Agisce sui tuoi pensieri (quando inizi a rimuginare e non riesci a smettere), sul tuo corpo (quando sei rigido, come compresso, e magari anche dolorante), su ciò che scegli di fare (quando fai una cosa dopo l’altra, o ti muovi e basta, senza portare a termine nulla). E infatti, l’ansia è scomoda, asfissiante, ingombrante. O per dirla come me l’ha raccontata una mia paziente, prima di iniziare il nostro lavoro insieme: “se dovessi descrivere il mio rapporto con l’ansia, io sarei piccola e messa all'angolo e lei [l’ansia] enorme, a dominare tutto”.

leggi di più 0 Commenti

Dietro la (tua) tendenza a rimandare a domani

 

Uno dei problemi più diffusi che ascolto intorno a me, dentro e fuori il mio studio, è la tendenza a rimandare a domani (leggi: più in là possibile. Oppure mai?) le cose da fare - ossia quelle che suscitano ansia o richiedono un cambiamento. Rimandare regala brevi ma intensi istanti di sollievo e mette in una condizione di calma apparente: è il suo effetto immediato. Ma a fine giornata o il giorno dopo, arriva puntuale il suo effetto a lungo termine: insoddisfazione, ansia, senso di inadeguatezza, malessere sparso. Fino alla prossima decisione di rimandare, che, inevitabilmente, attiva un circuito che fa più o meno così: “che ansia!” – “che sollievo!” – “che disastro!”.

È l’arte della procrastinazione, e i più esperti nel campo, ossia i procrastinatori incalliti, raccontano che uscire da questo circuito ansiogeno è praticamente impossibile (hai presente la frase: “è più forte di me!”?).

leggi di più 0 Commenti

Quando la (tua) ansia prende il sopravvento

 

Può succedere di sentirsi in balìa delle proprie emozioni e di provare disagio per questo, sentendosi disorientati, confusi, inquieti, specialmente quando le emozioni in questione sono spiacevoli o dolorose. Può succedere di sentirsi così arrabbiati o spaventati, per esempio, da non riuscire a vedere nient’altro che quella emozione e di agire di conseguenza - in preda alla rabbia o alla paura.

Oggi voglio raccontarti cosa succede quando è l’ansia a prendere il sopravvento. In pratica, quando la senti così forte che agisci automaticamente in un certo modo, anche quando vorresti fare altro o farlo diversamente. Come se l’ansia che provi iniziasse a spadroneggiare, lasciandoti impotente.

leggi di più 0 Commenti

Ti sei perso? Ascolta le tue emozioni

 

Le emozioni ci dicono quotidianamente moltissime cose di noi e anche di cosa potremmo fare per stare bene: mi piace immaginarle come un marchingegno che ci indica la strada, come un vero e proprio navigatore.

Se hai la sensazione di esserti perso, se ti senti disorientato e senza bussola, un ottimo modo per ritrovare la (tua) direzione, è (ri)centrarti su di te, ascoltando le tue emozioni, poi valutando come e verso dove muoverti e aggiustando il tiro strada facendo.

leggi di più 1 Commenti

Quando la paura di sbagliare ti blocca

 

Prendere decisioni non è sempre facile, e non per tutti. Specialmente quando si tratta di scelte relative a grandi aspetti della nostra vita, come le relazioni, i figli, il lavoro; ma non solo.

Ogni scelta ha delle conseguenze, e può rivelarsi la migliore o quella sbagliata: difficile saperlo a priori, nonostante attente e scrupolose valutazioni. E spesso, non poter sapere se la scelta che si vuole fare si rivelerà quella giusta o meno, può scatenare grandi paure paralizzanti. 

leggi di più 2 Commenti