Supervisione

Responsabilità nella relazione terapeutica

Responsabilità nella relazione terapeutica

In terapia la responsabilità va divisa a metà, un presupposto che si fa più evidente e necessario quando incontriamo persone che bussano alla nostra porta e aspettano di essere salvate da una storia che non vogliono più vivere. Si tratta di pazienti che soffrono molto...

leggi tutto
Voler bene ai propri pazienti

Voler bene ai propri pazienti

Durante le supervisioni sento spesso condividere difficoltà che a ben guardare parlano della scomodità di quella presa in carico. Del sentirsi, cioè, a disagio all’idea di incontrare quel paziente, può darsi contrariate o infastidite dalla sua presenza, persino...

leggi tutto
Dare parole al peso dell’assenza

Dare parole al peso dell’assenza

Talvolta il rientro in studio dopo una pausa dalle vacanze è accompagnato da un velo di incertezza relativa al ritorno in terapia di alcuni pazienti, specialmente quelli che si sperimentano per la prima volta con l’assenza dello spazio di terapia e la distanza dalla...

leggi tutto
Aiutare i pazienti anche a soffrire

Aiutare i pazienti anche a soffrire

C’è un’idea in cui mi imbatto spesso, secondo cui ci sono due modi di stare in questa vita: soffrendo o essendo felici. C’è da dire che buona parte dei pazienti chiede aiuto quando il loro livello di sofferenza è diventato insopportabile, e la loro richiesta di...

leggi tutto
Tutto parte da un bisogno

Tutto parte da un bisogno

In terapia, come nelle supervisioni cliniche, è dai bisogni che si origina tutto, e intorno a questi tutto gira. Il motivo per cui i pazienti chiedono aiuto è che stanno male in qualche forma e misura, ma sotto quel dolore c’è un bisogno che scalpita ed è grazie a...

leggi tutto