3 modi per realizzare i tuoi desideri (e migliorare la tua vita)

 

Al di là dei propositi e non-propositi che forse hai individuato per il tuo nuovo anno e che ti sei preoccupato di appuntare in (accurate) liste, probabilmente dentro di te nutri la speranza che il 2017 sarà l’anno in cui realizzerai i tuoi desideri di felicità. Finalmente.

È proprio pensando a una delle domande che ricevo più spesso – cioè: “(sì, ma) come si fa (a fare ciò che si desidera ed essere felici)?” – che scrivo questo post. Perché voglio raccontarti come si fa secondo me, come hanno fatto le persone che ci sono riuscite, cosa TU puoi fare per realizzare ciò che desideri e migliorare la tua vita.

Ecco i miei 3 consigli per te.

 

Abbandona le lamentele.

Sicuramente lo sai già: lamentarsi di quanto le cose vadano male nella tua vita, non ti aiuterà a cambiarle. Anzi, la verità è che le lamentele fini a se stesse non solo non procurano cambiamenti, ma peggiorano la situazione. Perché sono il modo in cui:

  • ti tieni concentrato con tutto te stesso su tutto ciò che non ti piace – e così dimentichi quel che invece va bene e di cui puoi sentirti soddisfatto.
  • alimenti la tua irritazione, il senso di impotenza, la tua insoddisfazione, che in pratica crescono di intensità piuttosto che indebolirsi o spegnersi.

Se riconosci che questo è un modo in cui rischi di remarti contro, semplicemente perché non ti serve per realizzare ciò che desideri, inizia a osservarti. Quando ti senti irritato e frustrato, fermati un momento e ascoltati: ti stai lamentando? Vuoi continuare a farlo, pur sapendo dove ti porta (leggi: non dove vuoi tu!)?

 

Inizia a usare quello che hai.

Tutti abbiamo delle risorse, non tutti sappiamo di averle - o le svalutiamo, o ci dimentichiamo della loro efficacia. Io dico di partire da quello che hai, dagli strumenti e le risorse che già possiedi, e che funzionano o che possono funzionare per realizzare i tuoi desideri. Il tuo sorriso, la tua sensibilità, il tuo intuito, la tua capacità di ascoltare gli altri, la tua forza, la tua coerenza, la tua capacità di osservare e valutare, il tuo umorismo, la tua saggezza, la tua generosità. Sono solo alcuni esempi di ciò che alcune persone con cui ho lavorato hanno messo a fuoco durante il percorso fatto insieme: capacità e risorse che erano già lì, da una vita, eppur mai viste - o screditate.

Dunque, inizia a recuperare quello che hai già (forse questo mio vecchio post può esserti di aiuto?). E poi usalo: potrebbe essere il modo (o uno dei modi) che ti aiuterà a realizzare ciò che vuoi per te, finalmente.

 

Agisci invece di rimandare. Se sei un procrastinatore esperto, probabilmente la teoria la conosci alla perfezione: rimandare di scegliere, fare, decidere, non ti aiuterà a realizzare i tuoi desideri, specialmente se ciò che vuoi è il cambiamento di qualcosa –  un’area della tua vita, una relazione o il tuo mondo relazionale, il tuo lavoro o il tuo modo di gestirlo, il modo in cui reagisci (o non reagisci) a specifiche situazioni, e così via. È vero, rimandare ti regala un senso di sollievo immediato, che però è tutt’altro che permanente. Di fatto, l’unico modo per realizzare quel che desideri è agire in quella direzione, e non rimandare di farlo rimanendo in attesa (di cosa?) e raccogliendo delusione e insoddisfazione (ancora) – non lo credi anche tu?

Inizia dalle piccole cose: scrivi quella e-mail che rimandi di scrivere da tempo, prenota quella visita medica di controllo di cui hai messo il promemoria in agenda mesi fa, finisci una cosa che hai iniziato e lasciato perdere, butta o dai via i vecchi vestiti che hai tenuto da parte in attesa di farlo. In poche parole, concediti la possibilità di sperimentare cosa si prova quando si agisce invece di rimandare.

 

Spero di averti dato qualche spunto per vivere quest’anno in modo che quando finirà, guardandoti indietro potrai dire: è andata proprio come speravo! Di sicuro, questo è il mio augurio per te :-)

CONDIVIDI


 

Sono Liria Valenti, psicologa e psicoterapeuta.

 

Mi piace accompagnare le persone in percorsi di cambiamento,

aiutandole a sentirsi padrone della loro vita e a fare scelte consapevoli e felici. Del mio lavoro amo: ascoltare, (ri)costruire, emozionarmi.




Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Matteo (lunedì, 03 aprile 2017 01:04)

    Salve Liria,
    complimenti per questo articolo, molto interessante! Ma soprattutto dopo averlo letto, mi ha dato la forza di appuntarmi tutte quelle cose che vorrei/dovrei fare da tempo e ho sempre rimandato per motivi diversi.

    Grazie