· 

(Tutto) il bello del presente

 

Ultimamente mi sono imbattuta in diverse storie che avevano in comune il desiderio di stare nella realtà presente, invece di vagare lontano o evitarla. Intendo dire di starci con tutte le scarpe, immersi e non distratti, in contatto con sé e con le proprie sensazioni. Sono nate molte riflessioni su tutta la bellezza del presente, e su come, nonostante le migliori intenzioni, sia facile dimenticarsene. 

Le riassumo oggi in questo post. Se vivere nel qui e ora è anche un tuo desiderio; se ti accorgi di quanto sia faticoso fermarti, rallentare la corsa, stare, esattamente dove sei; se vorresti provarci, ma non sai da dove iniziare; le riflessioni raccolte qui possono tornarti utili per mettere a fuoco cosa puoi iniziare a fare di diverso per godere di tutto il bello del presente. 

Prendo spunto dalle storie dei pazienti che accompagno nei loro percorsi di cambiamento, per raccontarti che ci sono almeno 3 modi in cui rischi di dimenticarti della bellezza del presente:

  • quando sei totalmente concentrato sulle (tante) cose da fare: tutto ti sembra importante e urgente e procedi senza sosta. Non ti accorgi neppure delle tue emozioni o dei segnali che ti invia il tuo corpo, di chi ti sta intorno, di piccoli o grandi eventi quotidiani.
  • quando sei concentrato sul futuro, che generalmente è più catastrofico che ricco di speranza. In pratica, oggi sei impegnato a pensare a ciò che potrebbe accadere di brutto domani, rovinandoti tutti i piani che hai costruito faticosamente e che stanno accadendo proprio oggi. E che vivrai senza viverli davvero, perché il tuo pensiero (e anche la tua preoccupazione) è altrove, in qualcosa che non è ancora accaduto e non hai garanzie che accada davvero. 
  • quando sei concentrato sul passato, sulle occasioni andate, sulle scelte o le persone sbagliate. Tutte cose che, per un motivo o un altro, non è possibile cambiare.

Il risultato è che sei sempre un passo avanti o uno indietro, ma mai nel tuo oggi; focalizzato su quel che va ancora fatto, ma mai su ciò che lo è già o che qualcun altro può fare per te, al posto tuo. Così, perdi di vista tutto il resto: quella relazione per la quale sei tanto grato e a cui tieni tanto, il traguardo che hai portato a casa dopo tanto impegno e fatica, il sorriso di tuo figlio, il bisogno di un momento di silenzio e lentezza, in cui puoi ascoltare i messaggi del tuo corpo. Non trovi?

Fermati un istante a riflettere sulla tua difficoltà a fermarti, per osservare te e tutto intorno a te, e stare con quello che ti piace, godendone: hai qualche obiezione a sguazzare contento nelle cose belle del tuo presente? E che succederebbe se ti fermassi a farlo? Vuoi concederti questa opportunità?

Ho un piccolo esercizio per te, se vuoi provarci: è lo stesso che io e gli altri membri del mio gruppetto su Facebook facciamo ogni venerdì sera, quando ci ritagliamo qualche minuto per recuperare le cose belle della nostra settimana. Quelle che ci hanno procurato un sorriso, che abbiamo conquistato con il nostro impegno ed energie, che abbiamo ricevuto in regalo, che non ci aspettavamo o che siamo andati a cercare; quelle di cui vogliamo ricordarci, per continuare a goderne. 

Allora, pensa a 3 cose belle del tuo presente, che hai già (non devi procurartele, sono già lì!) e di cui puoi già gioire, anche oggi. Scrivile, raccontale a qualcuno, trova delle immagini che le simboleggino e portale con te. E poi, dimmene una!

 

CONDIVIDI


 

Sono Liria Valenti, psicologa e psicoterapeuta.

 

Mi piace accompagnare le persone in percorsi di cambiamento,

aiutandole a sentirsi padrone della loro vita e a fare scelte consapevoli e felici. Del mio lavoro amo: ascoltare, (ri)costruire, emozionarmi.




Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    Giorgia (lunedì, 18 aprile 2016 14:01)

    La compagnia dei miei amici più cari!

  • #2

    Lulù (lunedì, 18 aprile 2016 17:05)

    questo momento tutto per me :D

  • #3

    Erika (lunedì, 18 aprile 2016 22:44)

    Mi imbatto in questo articolo mentre "mi regalo" un dolcissimo post-cena: gelato! è una cosa bella per me forse anche perché lo mngio in via eccezionale...va bene lo stesso?!
    Erika

  • #4

    Antonella (martedì, 19 aprile 2016 13:34)

    Il sorriso di mia figlia è un suggerimento azzeccato...

  • #5

    Carlotta (mercoledì, 20 aprile 2016 13:23)

    L'abbraccio di stamattina con il mio compagno! Molto bello questo post!