La fiducia che dai a te stesso

 

La scorsa settimana ho scritto di bambini e di come noi adulti possiamo aiutarli a credere in se stessi e ad aver fiducia nel loro valore. Alcune persone si sono ritrovate in quei genitori che vogliono favorire l’autostima nei loro figli, altre, invece, seppur adulte, si sono riviste in quei bambini che faticano a fidarsi di se stessi, dei loro desideri e capacità, che non sanno cosa vogliono o che non si reputano in grado di realizzare qualcosa di bello, che li faccia sentire soddisfatti di se stessi.

E allora ho pensato che a quel post mancava un pezzo. Quello che parla di chi si sente ancora come un bimbo che ha paura di non farcela, che si confonde dinanzi alle scelte, che si arrabbia perché non ottiene quello che vuole, che si abbatte perché è sicuro che non avrà mai quello che vuole.

Se ti ritrovi in queste parole, questo post è per te.

Non ho intenzione di soffermarmi sulle cause della sfiducia che nutri nei tuoi confronti (quelle, probabilmente, le conosci già), ma su ciò che puoi fare oggi per prendertene cura, oggi che sei un adulto e hai delle informazioni e delle alternative che quando eri piccino non avevi.


Ti invito a trattarti come avresti voluto ti trattassero, o come vorresti trattare tuo figlio.

E voglio suggerirti 5 passi da cui puoi iniziare.

 

Parti da quello che sai di Te.

Quali sono i tuoi talenti? Come li sfrutti? Ognuno di noi ha il diritto di essere diverso dagli altri. Ti invito a scoprire in cosa tu sei diverso, quali sono le tue peculiarità, e a investire su di esse.

 

Corri il rischio di esporti.

Cosa ti piace? E cosa detesti? Prenditi il lusso di seguire i tuoi desideri. Esponendoti, rischi di ottenere proprio quello che pensi non avrai mai – ci avevi pensato?

 

Concediti la possibilità di sbagliare.

Ad alcuni errori si può rimediare, altri si possono accettare. In ogni caso, una scelta sbagliata non equivale a una persona sbagliata.

 

Tifa per Te.

Allenati ad incoraggiarti. L’autocritica è molto utile, ma se diventa feroce annebbia la vista, e tu desideri vederci meglio, no?

 

Festeggiati tutte le volte che puoi.

Concediti il permesso di darti riconoscimenti e di godere dei tuoi piccoli e grandi traguardi.

 

Che ne pensi? Vuoi provarci? Se vuoi raccontarmi come va, sono tutta orecchie!

CONDIVIDI


 

Sono Liria Valenti, psicologa e psicoterapeuta.

 

Mi piace accompagnare le persone in percorsi di cambiamento,

aiutandole a sentirsi padrone della loro vita e a fare scelte consapevoli e felici. Del mio lavoro amo: ascoltare, (ri)costruire, emozionarmi.




Scrivi commento

Commenti: 0