Trasformare una difficoltà in opportunità

 

Nella vita le difficoltà sono (quasi) all’ordine del giorno. Una possibilità di lavoro sfumata, una relazione in crisi, l’imprevisto, quella cosa che proprio non ti viene bene. La reazione emotiva più frequente (e anche la più naturale) è l’impotenza. La sensazione di non poter far nulla per ottenere quello che vuoi trascina con sé anche un forte senso di frustrazione ed emozioni di tristezza o rabbia.

 

La buona notizia è puoi scegliere cosa fare: accettare passivamente la difficoltà che ti si è presentata davanti e farti assorbire dal tuo senso di impotenza, o dargli la giusta e moderata importanza – quella che basta per renderti conto che c’è un ostacolo davanti a te – e trasformare la tua difficoltà in un’opportunità.

 

Pensa al periodo che stai vivendo o alla tua ultima giornata difficile. La difficoltà che ti preoccupa e ti toglie energie ti porta a sentirti spesso triste e deluso, a criticarti e a dubitare delle tue capacità. Ti lamenti per quel che ti è successo e ti arrabbi con il destino, la sfortuna, il mondo intero.

E se stavolta, invece di rassegnarti passivamente alla disgrazia che ti è capitata, mettessi da parte le lamentele e convertissi la tua rabbia in energia per motivarti? E se invece di inquinare la tua autostima con la tua tristezza, ti consolassi ricordandoti che puoi sentirti triste continuando ad ascoltare i tuoi desideri e senza criticarti così tanto?

Ecco, puoi scegliere di cambiare la difficoltà iniziale in un’opportunità di crescita e miglioramento. Puoi scegliere di sfruttare quello che si presenta ai tuoi occhi come un ostacolo, come un’occasione invece per vedere di più e meglio, per scoprire nuovi bisogni e aspetti di te, per accogliere la tua difficoltà come quell’amica schietta e sincera che vuole solo farti vedere cosa non va così tu lo aggiusti.

Ti piace l’idea? Inizia a cambiare rotta, allora.

 

Ascolta le tue emozioni, vivile ma senza lasciarti sopraffare, metti in pratica il loro messaggio.

Ti senti deluso (o triste, o impotente, o…) per quello che è successo? Ok, c’è un tuo bisogno insoddisfatto che sta facendo capolino. Potrebbe essere quello di sentirti realizzato, appagato, fiero (nel tuo lavoro, nelle tue relazioni, in quello che fai)? Allora, individua gli strumenti per soddisfarlo e nutrire questa mancanza. L’emozione che provi ti sta indicando la direzione.

 

Vai al punto. In concreto: cosa è andato storto? Cosa hai sottovalutato? Rifletti e prendi appunti.

Siamo persone e non siamo perfette. E continuiamo a imparare ogni giorno, mentre viviamo. Individuare quello che ti è sfuggito e avere consapevolezza di quel che ti succede può aiutarti a scegliere diversamente e meglio in futuro, a gestire la stessa situazione con più facilità, a fare nuove e utili scoperte.

 

Parti da quello che puoi fare ora.

Non ti resta che provare a rimediare, se hai fatto un errore, o andare oltre se la faccenda non è recuperabile o non dipende da te. In ogni caso, avrai guadagnato qualcosa: una nuova possibilità, con consapevolezze e informazioni nuove.

 

Insomma, se si presenta una difficoltà, usala – e a tuo vantaggio! Sei pronto?


 

CONDIVIDI


 

Sono Liria Valenti, psicologa e psicoterapeuta.

 

Mi piace accompagnare le persone in percorsi di cambiamento,

aiutandole a sentirsi padrone della loro vita e a fare scelte consapevoli e felici. Del mio lavoro amo: ascoltare, (ri)costruire, emozionarmi.




Scrivi commento

Commenti: 0